06 Ottobre 2022

Stromboli, la devastazione e la voglia di rinascere

31-08-2022 11:00 - Travel Magazine by MARIO WHITEHEAD Professional Travel Blogger
Mai avrei pensato di scrivere un articolo per invitare le persone a dare un grosso aiuto a questa realtà praticamente quasi distrutta nella sua bellezza naturale nel giro di qualche mese.
Quest'estate ero in programma di scendere a Stromboli per conoscere i miei amici Leo @viraccontodistromboli e Salvatore
@salvatore_russo_stromboli, per raccontare e promuovere un territorio a grande vocazione turistica, studiando un modo alternativo insieme ai miei due amici, per sensibilizzare sul tema turismo e rispetto dell'ambiente.
Poi per esigenze diverse, il mio lavoro mi ha portato in Toscana, non potendo più raggiungere questo magnifico territorio.
Nelle diverse dirette fatte con Leo, si elaborava spesso come poter colmare la grande affluenza nel periodo estivo cercando di veicolare le persone in maniera più ordinata e programmata per permettere all'Isola di mostrare il suo vero volto anche nel pieno dell'affluenza turistica.
Invece oggi mi ritrovo qui a scrivere questo articolo non per promuovere un territorio in modo alternativo, regalando una prospettiva diversa di vivere l'Isola di Stromboli, ma a cercare di dare il mio contributo e sostegno ad un territorio che ha bisogno di aiuto.
Purtroppo tutto è iniziato il 25 Maggio 2022.

Cosa è successo a Stromboli

La data del 25 Maggio, segna l'inizio di un periodo nero per Stromboli, che in poco meno di tre mesi ha praticamente messo in ginocchio questa magnifica realtà turistica.
Tutto è iniziato nella notte tra il 25 e 26 maggio 2022, quando un incendio si è diffuso rapidamente su tutta la montagna sopra l'abitato di Stromboli, arrivando a lambire le case, con gravi conseguenze ambientali e patrimoniali.
Un pezzo di macchia mediterranea è praticamente scomparsa.
Successivamente, esattamente il 12 Agosto 2022, dopo un grande periodo di siccità, vi è stato un'importante nubifragio, che a causa della mancanza di vegetazione sopra l'abitato, utile a contenere il terreno, frenando e defluendo le acque, ha comportato il riversamento di colate di fango e pietre in tutte le strade del paese, arrivando a distruggere ciò che l'incendio non è riuscito a completare, ossia case e beni di privati, oltre a seminare il panico in piena notte tra i turisti, costretti a scappare da quell'inferno.
Nella giornata di ieri a completare l'opera di distruzione, si sono aggiunti i rifiuti speciali.
Nei vari tg nazionali, hanno riportato che il nubifragio ha causato un terzo e grave problema ambientale, la caduta di rifiuti speciali nelle acque di questa meravigliosa terra.

I rifiuti caduti nel mare di Stromboli

Un problema molto grave, se si aggiunge già il lavoro di ripristino dovuti all'incendio e al nubifragio.
Sulla spiaggia e nelle acque, infatti, si trovano ad oggi i materiali della discarica caduti dalla montagna, oltre a quelli già restituiti dal mare.
Materiali di discarica contenenti eternit, ed altri rifiuti speciali depositati in fondo al mare, che adesso necessitano di un intervento di bonifica per mettere in sicurezza l'ecosistema di questo territorio.
Unica cosa certa è che a causare questo innesco micidiale è stato l'incendio.
Ora chi è stato, sarà la Procura a deciderlo.
Da fonti del web e da persone del posto si dice che il tutto si stato innescato da una delle produzioni Rai, sul posto per girare una fiction, dedicata alla Protezione civile.
Se così fosse, e considerando che si parla di un'azienda statale, a bontà loro, con una mano sul cuore, tralasciando le eventuali responsabilità, di impegnarsi almeno a contribuire alla rinascita di Stromboli.

Facciamo rinascere Stromboli

I fondi di privati e turisti per la rinascita

Conoscendo dalle dirette il cuore e la tenacia degli stromboliani, ho subito pensato che non si sarebbero arresi e lasciati andare da questi eventi che si sono succeduti a breve distanza l'uno dall'altro.
Infatti, la comunità come si è unita insieme per combattere e difendersi dal fuoco, così per ripartire dall'alluvione successivo, oggi si è unito in un progetto più grande, che segna il punto di partenza e di rinascita di un territorio che ha voglia di tornare a splendere, attraverso il progetto “Coltiviamo un'idea”.
Di cosa si tratta?
Si tratta di un'iniziativa che mira a raccogliere fondi per lavorare a Step, nella rinascita di Stromboli e nella ripiantumazione del territorio, con lo scopo di salvaguardare lo stesso da eventi simili e ridare lustro all'Isola.
Il progetto mira ad intervenire per costruire una coesistenza tra ambiente e uomo, nel pieno rispetto della natura.
Un'idea a mio parere validissima che vi consiglio di leggere ed aiutare a realizzare attraverso una donazione libera, visitando direttamente il sito web Produzioni dal basso: Stromboli coltiviamo un'idea, dove oggi sono stati già raccolti circa 20.000 euro.
Allora cosa aspettiamo?
Diventiamo tutti insieme sostenitori dell'Isola di Stromboli, per tornare da visitatori e vedere nuovamente il verde rigoglioso grazie anche alla nostra goccia di contributo.

Saluti, Mario Whitehead.





Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio
refresh



Booking.com
[Pestarino Roberto fotografo]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio
refresh


cookie